Vangelo di venerdì 27 marzo 2020.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni.

In quel tempo, Gesù se ne andava per la Galilea; infatti non voleva più percorrere la Giudea, perché i Giudei cercavano di ucciderlo.
Si avvicinava intanto la festa dei Giudei, quella delle Capanne. Quando i suoi fratelli salirono per la festa, vi salì anche lui: non apertamente, ma quasi di nascosto.
Alcuni abitanti di Gerusalemme dicevano: «Non è costui quello che cercano di uccidere? Ecco, egli parla liberamente, eppure non gli dicono nulla. I capi hanno forse riconosciuto davvero che egli è il Cristo? Ma costui sappiamo di dov’è; il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia».
Gesù allora, mentre insegnava nel tempio, esclamò: «Certo, voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure non sono venuto da me stesso, ma chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete. Io lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato».
Cercavano allora di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettere le mani su di lui, perché non era ancora giunta la sua ora.

Parola del Signore

Commento di Paolo Curtaz.

Il clima attorno a Gesù si è fatto rovente, ingestibile. Come si può fare per fermarlo? Nessuno prova a mettersi davvero in discussione, nessuno prova nemmeno ad ascoltarlo. Gesù è stato rifiutato sin dall’inizio, preso per un fanatico, un indemoniato. Il suo modo di interpretare la Scrittura pur non essendo un vero rabbino ha irritato gli scribi. La sua predicazione, che ha ridicolizzato e messo in contraddizione i farisei, ha suscitato molti malumori. Ma, giunto a Gerusalemme, la goccia che ha fatto traboccare ogni vaso è la sua ridicola pretesa di conoscere Dio meglio degli altri, anzi, di esserne l’unico interprete auterntico. Gesù verrà condannato a morte proprio per questo: perchè si è fatto simile a Dio, dicendo di conoscerlo in profondità perchè lui e il Padre sono una cosa sola. Gesù è morto perchè si è preso per Dio, questo emerge chiaramente dal Vangelo di Giovanni. Come possono, alcuni, oggi, dire che la pretesa di Gesù è un’invenzione dei cristiani? Possiamo crederci o no ma la pretesa messianica di Gesù è l’unico inquietante interrogativo che rimane: Gesù si prende per Dio. Ha ragione o è solo un pazzo furioso?

Preghiera.

Convertimi, Dio mio, nel nome del mio Signore Gesù Cristo! Tu che puoi trarre figli di Abramo dalle pietre, o Signore; dammi lo spirito buono e la sapienza che hai promesso di dare a chiunque li domandasse. Convertimi, e fa’ che ti glorifichi fino al mio ultimo respiro e poi durante l’eternità. ( Charles de Foucauld )

Vangelo di venerdì 27 marzo 2020.

Potrebbe anche interessarti